La solidarietà non è un crimine!

Appello contro la criminalizzazione delle azioni di solidarietà, per una mobilitazione antirazzista il 25 aprile

Un crescente clima d'odio e repressione verso chi fugge da guerre, disastri ambientali, miseria, domina nel Paese. Un clima che ha visto due attentatati terroristici di matrice razzista: uno a Macerata nel quale sono rimaste ferite sei persone immigrate, l'altro a Firenze dove Idy Diene ha perso la vita senza mai fare ritorno a casa, condannato dal suo colore della pelle.

Un clima di caccia al migrante che porta ad aggressioni, reati d'odio, rastrellamenti sui treni, deportazioni nei nuovi C.I.E. ora denominatati C.P.R., deportazioni arbitrarie, spesso anche in contrasto con le leggi costituzionali e internazionali, come i respingimenti in mare verso un paese terzo non sicuro, quale è oggi la Libia. A tutto ciò si aggiunge il sistema dell'accoglienza cosiddetta straordinaria, un sistema dove spesso non vengono rispettati i diritti basilari e la dignità degli accolti, quasi completamente in mano alla criminalità organizzata o a imprenditori che ne hanno fatto un vero business. Oltre all'acuirsi del controllo e della repressione sui migranti, assistiamo anche al crescere pericoloso della criminalizzazione di chi oggi compie gesti di solidarietà, soccorso o di chi aiuta rifugiati o poveri. A Ventimiglia il sindaco ha emesso un'ordinanza, l'11agosto 2016, che vieta e punisce la distribuzione di pasti o bevande ai migranti in transito: questo ha portato a denunce o provvedimenti di allontanamento nei confronti di numerosi cittadini e attivisti che hanno infranto questa ordinanza agendo secondo un principio umano inalienabile, qual è la solidarietà. Indagini e processi si sono aperti anche nei confronti di un'alpinista francese che ha soccorso una donna migrante incinta sulle Alpi. Casi come questi sono sempre più numerosi e spesso arrivano anche sulla stampa internazionale come il caso di Herrou Cédric, fino ad arrivare alle gravi operazioni della procura di Catania che hanno portato, nell'agosto 2017, al sequestro della nave Iuventa dell'ong tedesca Jugend Rettet, e più recentemente della nave Open Arms dell'ong spagnola Proactiva. Troviamo tutto ciò inaccettabile. La costruzione del "reato di solidarietà" nasconde una gestione securitaria dell'immigrazione, una gestione che pensa di risolvere la questione esternalizzando i confini in paesi terzi non sicuri, e stringendo accordi con diplomazie di stati dove vi sono governi autoritari o come nel caso più prossimo ossia Libia (Memorandum Italia-Libia, Febbraio 2017 a firma Gentiloni). L'Italia respinge richiedenti protezione internazionale verso uno stato dissolto, dove spadroneggiano gruppi armati che prima gestivano i flussi migratori, e che oggi ricoprono la funzione di guardia costiera e costruiscono campi di tortura per i migranti in transito, con tanto di finanziamenti e armi dallo stato italiano. 

Il 75% dei migranti deceduti nel tentativo di superare confini di stati nazione, a livello globale, è deceduto nel mar Mediterraneo. Perseguire chi oggi obbedisce al principio morale della solidarietà umana, soccorrendo chi rischia la vita in mare o dovunque si trovi, è un segnale di imbarbarimento di fronte al quale pensiamo non si possa rimanere in silenzio. Una complicità della quale pensiamo nessuno debba macchiarsi. Per questo invitiamo tutte le donne libere, gli uomini liberi, le organizzazioni democratiche, i gruppi, i singoli, gli intellettuali, gli artisti, gli operai, gli studenti e tutte le persone libere di questa società a prendere parte ed attivarsi nell'organizzazione di iniziative di solidarietà, informazione e sensibilizzazione verso tutta la società, e di sostegno a chi lotta per restare umano. 

---
25 APRILE DI LIBERAZIONE
dal Razzismo e dal Neofascismo dal Sessismo e dalle Discriminazioni Sociali contro la Guerra, con le donne e gli uomini che dal Kurdistan alla Palestina resistono all'oppressione

Ore 15.00 piazza Garibaldi - CORTEO CITTADINO
Dalle 19.00 metro Materdei - LA PIAZZA DEI MOVIMENTI
con musica, cena sociale, sport popolare, mostre

---
qui evento facebook e appello generale della manifestazione del 25 Aprile
- qui la lettera indirizzata al Ministro Minniti, al Capogabinetto Prefetto Morcone, al Prefetto di Napoli Pagano, al Questore di Napoli De Iesu, alla Dirigente dell’Ufficio Immigrazione di Napoli Ciriello, alla Presidente della Commissione Territoriale di Salerno per il riconoscimento della protezione internazionale

Firmatari lettera:

SINGOLI

Viola Carofalo, Portavoce Potere al Popolo
Luigi De Magistris, Sindaco di Napoli
Laura Marmorale, Assessore Terza Municipalità
Ivo Poggiani, Presidente Terza Municipalità
Bianca Verde, Consigliere Seconda Municipalità
Angela Parlato, Consigliere Seconda Municipalità
Marcello Cadavero, Assessore Seconda Municipalità
Pino De Stasio Consigliere Seconda Municipalità con delega assessore alle Pari Opportunità
Vincenzo Annibale, responsabile sportello immigrati CGIL Napoli
Enrica Morlicchio, professore ordinario di sociologia economica, Università degli Studi di Napoli Federico II
Virginia amorosi, avvocato e ricercatrice precaria
Gennaro Avallone, ricercatore di scienze politiche Università degli Studi di Salerno
Antonio Cavaliere, professore ordinario di diritto penale, Università degli Studi di Napoli Federico II
Abdel El Mir, dottorando in scienze sociali e statistiche
Luigi Romano dottorando in diritti umani, Università degli Studi di Napoli Federico II
Carol Ruggiero, dottoranda di in diritti umani, Università degli Studi di Napoli Federico II;
Roberta Donizzetti, dottoranda in diritti umani, Università degli Studi di Napoli Federico II
Giulia Ciliberto, dottoranda in Diritto dell'economia, Università degli Studi di Napoli Federico II
Rosa Gatti, dottoranda in scienze sociali e statistiche, Università degli Studi di Napoli Federico II
Francesca De Marinis, dottoranda in Diritti Umani, Università degli Studi di Napoli Federico II
Yasmina Accardo, attivista per i diritti umani
Paolo Fierro, medicina democratica
Francesco Saverio Mascolo, attivista


AVVOCATI

Elena Coccia
Valentina Tondi
Liana Nesta
Gaia Tessitore
Caterina Serrao
Stella Arena
Lucia Esposito
Natalia Fuccia
Giovanna Carlotta Genito
Daniela Iannacone
Roberta Aria

 
ASSOCIAZIONI

Medicina Democratica
Comunità Senegalese
CSA Ex Canapificio
LasciateCIEntrare
Movimento Migranti e Rifugiati di Caserta
Dedalus cooperativa sociale
Antigone Campania
Cooperativa sociale Demetra onlus
Casa del Popolo Napoli
Spazio DAMM
Coordinamento della Democrazia Costituzionale di Napoli
Associazione HAMEF Onlus di Napoli
Ethera Api
Casa del Popolo Qualiano

ENTI GESTORI

LESS Onlus
Cooperativa sociale Demetra onlus


OPERATORI

Bruno Esposito, operatore
Emilio Mesanovic, operatore
Silvia Ricci, operatrice
Thomas-Vladimir Santangelo, operatore
Sara Scognamillo, operatrice
Martina Stefanile, operatrice legale
Danilo Scognamiglio, operatore
Roberta Maranta, operatrice
Luigi Lo Regio, operatore
Fiorella Liotti, operatrice
Marina Rubino, operatrice
Luca De Cicco, operatore
Aimen Ebied, operatore
Carmine Sgariglia, operatore
Selena Del Priore, operatrice
Angela Newton, operatrice
Carmine D'angelo, operatore


SINDACATI

USB Napoli

Calendario

LE ATTIVITÀ RIPRENDERANNO A SETTEMBRE!
SCARICA IL CALENDARIO

November 2018
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Potere al Popolo!

Sito di"Potere al Popolo!"

#indietrononsitorna

Come si finanzia una struttura grande e piena di attività come l’Ex OPG?

Supporta l'ex opg

Abbiamo messo per iscritto le idee che stanno alla base del nostro progetto, e tutti i modi in cui si può dare una mano.

Come partecipare

Ecco la nostra dichiarazione di intenti, il nostro programma

Cosa crediamo, cosa vogliamo

Verità e Gustizia per Ibrahim Manneh. Vittima di razzismo e malasanità

Verità e giustizia per Ibra!

Seguici su facebook

Seguici su twitter

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand