Ma tu la conosci la Rivoluzione Sovietica?

Giovedì 11 Maggio - ore 18 - Ex OPG "Je so' Pazzo" (via Imbriani 218)

Presentazione del libro
“1917. Un anno rivoluzionario” di Guido Carpi e dibattito con l'autore

Quest’anno ricorre il centenario della Rivoluzione Russa: uno dei maggiori eventi della storia dell’umanità. Un evento grandioso da molti punti di vista: perché coinvolse centinaia di milioni di uomini e donne, innanzitutto, perché per la prima volta portò al potere di uno Stato gigantesco gli operai e i contadini insieme a tutti i dannati della terra, infine perché cambiò radicalmente la vita politica, culturale, artistica, sociale di tutti i paesi del mondo, nelle metropoli occidentali come nel più sperduto deserto africano.

Quello che accadde nel 1917, in piena Guerra Mondiale, a migliaia di chilometri di distanza da qui, avrebbe risuonato per decenni, risvegliando energie e intelligenze, avviando processi di trasformazione che si provò a fermare in tutti i modi, con l’invenzione dei nazifascismi fino alle bombe “democratiche” degli USA in Indocina. Non si può comprendere la storia del Novecento, ma nemmeno quella dei nostri giorni, se non si comprende fino in fondo cosa ha significato e cosa ha determinato la Rivoluzione Russa.

Nonostante tutto questo, la Rivoluzione Russa è un evento che si conosce ancora troppo poco. E questo non per caso. Le classi dominanti cercano di rimuoverlo dalla memoria collettiva. Perché sanno che, l’idea di poter riuscire un giorno a sconfiggere chi ci opprime, e di mettere su un governo giusto, di uguaglianza e libertà, fa ancora sognare tanti. Quando non possono cancellare l’evento, cercano di criminalizzarlo: il più grande fatto politico dopo la Rivoluzione francese si trova così raccontato come una vicenda criminale, di pazzi fanatici, di milioni di morti e di lager, di presunti dittatori che chissà per quali motivi agivano…

Di fronte a quest’operazione di rimozione e di criminalizzazione, bisogna reagire. Non mitizzando l’evento, facendolo diventare tutto giusto e tutto santo, ma cercando anzitutto di capirlo, di conoscere dinamiche storiche che non sono poi così diverse dalle nostre, di approfondire i problemi e i motivi che portarono cent’anni fa milioni di persone nelle piazze, e che ancora oggi spingono molti, in giro per il mondo, a rischiare la vita.

Per fortuna ci sono libri di rigoroso valore scientifico che ci permettono di cominciare un simile ragionamento. Da poche settimane è uscito “1917. Un anno rivoluzionario” di Guido Carpi. Professore ordinario di Lingua e letteratura russa all’Orientale di Napoli, autore di decine di pubblicazioni su quel paese, Carpi ha scritto un testo bellissimo, che ci svela la Rivoluzione come non l’avevamo mai vista.

Coniugando rigore storico con uno stile narrativo piacevole, l’analisi storica, sociale ed economica con l’aneddotica e la citazione letteraria, usando molte fonti inedite e molti giornali dell’epoca, Carpi riesce a portarci nella convulsa Russia di cent’anni fa, a farci vivere i sentimenti, le aspirazioni, la cultura politica che mossero i rivoluzionari prima nei giorni di Febbraio e poi in quelli, decisivi, dell’Ottobre. Carpi ci mostra tutti gli aspetti della Rivoluzione, il coacervo di figure umane che, da un lato e dall’altro, dal lato degli zar e della borghesia o da quello dei soldati, degli operai e dei contadini, lottarono per affermare un certo tipo di ordine sociale; ma anche i partiti politici e i leader che furono in grado di incarnare il sentimento delle masse.

Giovedì 11 maggio presenteremo per la prima volta a Napoli il libro di Carpi: vogliamo che sia l’occasione per capire quella storia così complessa, imparare qualcosa di nuovo e soprattutto individuare quelle risorse, quegli strumenti, quelle modalità organizzative che ancora oggi ci potrebbero permettere di lanciare quell’“assalto al cielo” di cui, nella crisi in cui siamo, abbiamo tanto bisogno!


PS: solo in quest’occasione, e grazie a un accordo con la Carocci che ha riconosciuto il valore sociale e culturale delle iniziative svolte presso l’Ex OPG, il libro sarà disponibile a 10 euro invece che a 17!

Calendario

Le attività quotidiane dell'Ex OPG sono terminate per l'estate
CI RIVEDIAMO A SETTEMBRE!
SCARICA IL CALENDARIO

August 2017
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Verità e Gustizia per Ibrahim Manneh. Vittima di razzismo e malasanità

Verità e giustizia per Ibra!

Abbiamo messo per iscritto le idee che stanno alla base del nostro progetto, e tutti i modi in cui si può dare una mano.

Come partecipare

Ecco la nostra dichiarazione di intenti, il nostro programma

Cosa crediamo, cosa vogliamo

Come funziona il finanziamento di una struttura grande e piena di attività come l’Ex OPG “Je so’ pazzo”?

Come si finanzia l'Ex OPG

Seguici su facebook

Seguici su twitter

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand