Sono una docente di Matematica dell’Università di Salerno. Vorrei condividere la mia esperienza relativa alla didattica online.

Ci stiamo tutti impegnando a garantire le lezioni, ed ora anche gli esami. E di questo vorrei parlare: degli esami online.

Per lo studente l’esame è sempre un momento carico di tensione. Fare l’esame in presenza mi ha sempre consentito di “capire” meglio se e quanto lo studente abbia studiato, poter cogliere il suo stato d’animo. Faccio questo lavoro da 35 anni, ho maturato un po’ di esperienza. E poi mi aiuta anche una personale sensibilità.
Ma questi esami online mi mettono a disagio. Io entro nelle loro case e vìolo la loro privacy. Le linee guida dell’Ateneo ci dicono che, per poter sostenere l’esame orale, gli studenti devono essere muniti di webcam e ovviamente di connessione. Devono mostrarci un documento per essere identificati, e devono mostrarci la stanza in cui si trovano, per rendere evidente che sono soli nella stanza. E quindi io “entro” a casa loro, con un certo imbarazzo. Entro nelle loro camere. Sono camere arredate con semplicità, camerette ancora di ragazzini, spesso in condivisione con altri.
Mi colpisce il fatto che sono tutte in ordine; evidentemente qualche mano accorta, la mamma o loro stessi, ha provveduto a riordinare prima dell’esame. Non è normale che una camera di giovane sia così linda e in ordine. Vedo i poster che hanno alla parete, e so quali sono i gruppi musicali che amano, o la squadra per cui tifano, vedo i loro peluche portafortuna. Nelle camere delle ragazze a volte ci sono ancora le bambole, oppure le foto della Prima Comunione alla parete. A volte c’è una giacca appesa ad una gruccia. Mi fanno una tenerezza questi ragazzi che frequentano una università pubblica del sud, e sono ancora a casa dei genitori. Ed io invado con disagio i loro spazi.

La connessione è spesso lenta, li sento a tratti. Uno studente particolarmente ansioso mi chiede continuamente: “Professoressa, ma lei mi sta sentendo?”. A volte davvero non riesco a sentirlo e devo chiedergli di ripetere, ma spesso lui non mi sente semplicemente perché io sto zitta, lo sto ascoltando.
Durante un esame di matematica capita di dover scrivere qualcosa, qualche formula, una funzione matematica; quindi lui ha posizionato il cellulare alla parete, attaccato ad una ventosa, per darmi modo di verificare che la formula che poi mi mostrerà sul foglio è stata davvero scritta da lui. Ma la ventosa si stacca spesso, e diventa tutto buio, e lui deve correre a riposizionarla.

Io sono calma, quasi affettuosa, davvero sono dispiaciuta per le loro difficoltà. Riconosco molti di loro, hanno seguito il corso al primo semestre, prima che questo maledetto virus ci isolasse e facesse emergere i problemi legati alle disuguaglianze. Vorrei che lo sapessero quelli che blaterano con spocchia e dicono che i meridionali sono inferiori. Ma ora non voglio arrabbiarmi su questo.

A esame terminato, dopo aver registrato il voto, per “umanizzare” la situazione, a quelli che riconosco chiedo qualcosa. Ad esempio, ad uno che ha il poster della Juve alla parete, faccio notare che gli ho fatto comunque superare l’esame, proprio io che vivo in una famiglia di sfegatati tifosi del Napoli (i miei figli hanno fatto anche gli stewart al S. Paolo, ma non sono diventati ministro 😊). E lui mi giura che quella è la stanza di suo fratello e che lui tifa Napoli.
Un altro ha sul comodino alcune coppe, e gli chiedo che sport pratica. E lui mi risponde che sono le coppe del torneo di bocce del padre, che ora non c’è più, ed anche di un torneo di pallacanestro perché il padre allenava una squadra di giovani, e mi vengono le lacrime agli occhi. Un altro ancora ha una lavagna alle spalle, perché si è sistemato nella stanza di sua madre (insegnante forse), perché la sua camera è occupata da suo fratello.

Alla fine di tutto questo, ci sarà lavoro per stuoli di avvocati. Abbiamo violato - io ho violato - la privacy dei miei studenti. Sono stata costretta a farlo, ed ora li conosco meglio. Vorrei che li conoscessero anche quelli che blaterano su università, studenti e didattica e che si riflettesse un po' di più su questi aspetti, troppo spesso trascurati, della pandemia.

🖊️ Raccontateci la vostra storia, scriveteci alla mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
🤳🏻 E se vi va inviateci una foto che secondo voi sta rappresentando la vostra quarantena!

In tempi di isolamento costruiamo sogni, comunità, solidarietà! ❤️

#oggivoglioparlare #diaridallaquarantena

Per raccontare l'esistente e immaginare il futuro

IL BLOG DEI PAZZI

Calendario

August 2021
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

ASSISTENZA TELEFONICA LAVORATORI E LAVORATRICI

Teleofono rosso

VOCI E TESTIMONIANZE DAL CARCERE

#iorestodentro

Potere al Popolo!

Sito di"Potere al Popolo!"

#indietrononsitorna

Come si finanzia una struttura grande e piena di attività come l’Ex OPG?

Supporta l'ex opg

Abbiamo messo per iscritto le idee che stanno alla base del nostro progetto, e tutti i modi in cui si può dare una mano.

Come partecipare

Ecco la nostra dichiarazione di intenti, il nostro programma

Cosa crediamo, cosa vogliamo

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand