Qualche giorno fa al nostro telefono rosso riceviamo una telefonata da una famiglia di Casoria, della zona Lufrano, una delle tante zone periferiche abbandonate da Stato e istituzioni di cui il nostro territorio è pieno.

"Ciao, abitiamo in zona Lufrano, la zona dei palazzoni popolari, a Casoria. In famiglia siamo quattro: due adulti e due bimbi piccoli. Siamo in difficoltà, avremmo bisogno di aiuto: di qualche mascherina e di un po' di spesa..."
Casoria è un comune in provincia di Napoli, ci vuole poco per raggiungerlo in tempi normali. Ma adesso spostarsi da comune a comune è diventato più difficile, soprattutto col nostro furgoncino per le consegne, il Poderoso.

Purtroppo da qualche settimana abbiamo dovuto bloccare le nostre liste. Come abbiamo spiegato in una nota sul nostro sito al momento abbiamo una lista di circa 350 nuclei familiari a cui stiamo cercando di dare priorità per continuità assistenziale garantendo almeno 1 pacco ogni due settimane per ogni famiglia.
Ma non vogliamo lasciare nessuno indietro, quindi proviamo sempre a fare il possibile.

Una delle tante attiviste che da anni collaborano con la nostra Camera Popolare del Lavoro abita proprio lì a Casoria. Così attraverso il suo profilo #facebook lanciamo un appello: “Casoria, facciamo partire la solidarietà!”
E ancora una volta, lasciandoci ogni volta sempre sbalorditi, le risposte non tardano ad arrivare. Tra un messaggio ed una telefonata ad oggi siamo riusciti a recuperare circa 20 pacchi solidali (tutti belli ricchi eh!) che andranno ad aiutare e sostenere 20 famiglie che in questo momento stanno affrontando un momento di difficoltà.

La macchina della solidarietà che corre per vichi e vicarielli, attraversa zone e quartieri differenti, questa volta esce dal nostro comune ed arriva ad uno dei tanti comuni dell'interland napoletano, dove gli effetti della crisi economica scaturita da questa situazione di emergenza non si sono fatti attendere.
Gambe in spalla, due dei nostri attivisti che vivono in zona oggi hanno iniziato a recuperare e consegnare le prime cinque spese solidali.

Questa non è pura e semplice beneficenza, è qualcosa di più. È solidarietà, è resistenza popolare.
Questo ci dimostra che, come sempre e più che mai, solo uniti, insieme, possiamo combattere e superare questa emergenza.

Tantissime e tantissimi si sono attivati, singolarmente o in comunità, per affrontare questa crisi senza lasciare indietro nessuno, a fronte proprio di uno Stato che ha completamente abbandonato larghissime fasce della popolazione.
È arrivato però il momento che chi di dovere si prenda le proprie responsabilità. È necessario più che mai tutelare la salute, la vita e la dignità delle migliaia e migliaia di persone che si trovano in situazioni di estrema difficoltà. È arrivato il momento che lo Stato garantisca a tutte e tutti un Reddito di Emergenza, uno strumento per sopravvivere a questa fortissima crisi.
Una volta che questa emergenza sarà passata, non torneremo a quella normalità fatta di abbandono, sacrifici e marginalità. Ci impegneremo con tutti noi stesso per costruire una nuova normalità, che metta al centro la solidarietà, la cooperazione, l'aiuto reciproco.

NON TORNEREMO ALLA NORMALITÀ PERCHÉ LA NORMALITÀ ERA IL PROBLEMA!

Per raccontare l'esistente e immaginare il futuro

IL BLOG DEI PAZZI

Calendario

August 2019
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Potere al Popolo!

Sito di"Potere al Popolo!"

#indietrononsitorna

SIAMO TORNATI! Il 7 ottobre 2020 abbiamo inaugurato la seconda stagione di Radio Quarantena. Ritorniamo con una nuova redazione, quasi 20 collaboratori e 5 rubriche settimanali.

RADIO QUARANTENA

VOCI E TESTIMONIANZE DAL CARCERE

#iorestodentro

Come si finanzia una struttura grande e piena di attività come l’Ex OPG?

Supporta l'ex opg

Abbiamo messo per iscritto le idee che stanno alla base del nostro progetto, e tutti i modi in cui si può dare una mano.

Come partecipare

Ecco la nostra dichiarazione di intenti, il nostro programma

Cosa crediamo, cosa vogliamo

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand