Il 4 Febbraio ci siamo incontrati come Studenti Autorganizzati Campani all'Ex OPG Occupato - Je so' pazzo, per continuare a costruire la nostra lotta per l’edilizia scolastica che è partita dal corteo dell’8 Novembre.

Durante questi mesi ci siamo dotati di strumenti fondamentali per continuare il nostro lavoro: un questionario da far girare nelle scuole che ci ha permesso di produrre un reportage con i dati di più di 400 studenti e studentesse, grazie al quale abbiamo costantemente fatto pressione sulle istituzioni competenti alla Città Metropolitana.

Al fianco di questo lavoro di inchiesta e di denuncia abbiamo continuato a costruire coscienza e partecipazione, attraverso il lavoro dei nostri collettivi nelle scuole, andando ben oltre il piano della vertenza. La necessità di contrastare un’idea di scuola sempre più basata sull'esigenza di mercato, sull'individualismo e sull'aziendalizzazione cresce e diventa di giorno in giorno sempre più forte. È da più di dieci anni che ogni riforma fatta sulla scuola non fa altro che smantellare l’Istruzione pubblica, partendo dall'apertura ai privati, passando per la Legge 107 con l’Alternanza Scuola-Lavoro, fino ad arrivare allo sfascio in cui si ritrova il Ministero dell’istruzione, per il quale ancora una volta non sono stanziati i fondi minimi richiesti. La condizione in cui versa l’edilizia scolastica è lo specchio di queste politiche, politiche che non possiamo più accettare.

È per queste ragioni che, insieme a tutti gli altri coordinamenti studenteschi di questa città, abbiamo deciso di configurarci come Osservatorio Popolare Studentesco allo scorso incontro tenutosi il 24 gennaio alla città metropolitana con il delegato Marrazzo, perché pensiamo che partire dal basso, dagli studenti sulle cui vite ogni giorno vengono prese delle decisioni, sia necessario e fondamentale per cambiare lo stato delle cose. Tutto ciò è possibile solo dotandoci di strumenti collettivi, decisi da coloro che ogni giorno vivono i luoghi della formazione. Per questo il 4 Febbraio in un’assemblea pubblica, aperta a tutti e tutte, viva e partecipata, abbiamo iniziato ad immaginare insieme come costruire dal basso l’osservatorio popolare studentesco, uno strumento di pressione politica e controllo popolare, aperto a chiunque voglia partecipare e non delegare più alle istituzioni il potere decisionale. Vogliamo tornare ad essere protagonisti e artefici delle politiche sulla scuola e sull'istruzione.

Ora manca un ultimo passo: il Comune di Napoli deve riconoscere ufficialmente il nostro osservatorio, per far sì che diventi uno strumento politico concreto nelle mani di tutti e tutte, che possa ribaltare il modo di fare politica a cui abbiamo fino ad ora assistito.

Ma noi non resteremo ad aspettare di essere riconosciuti dal Comune, convocheremo al più presto la prima assemblea costituente dell’Osservatorio Popolare Studentesco e il 21 febbraio saremo ancora una volta in piazza perché IL FUTURO È ORA!

SCUOLE CHE CROLLANO STUDENTI CHE NON MOLLANO!

 

Clicca qui per leggere l'opuscolo e per scaricarlo!

Clicca qui per compilare il questionario!

Per raccontare l'esistente e immaginare il futuro

IL BLOG DEI PAZZI

Calendario

August 2020
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

ASSISTENZA TELEFONICA LAVORATORI E LAVORATRICI

Teleofono rosso

VOCI E TESTIMONIANZE DAL CARCERE

#iorestodentro

Potere al Popolo!

Sito di"Potere al Popolo!"

#indietrononsitorna

Come si finanzia una struttura grande e piena di attività come l’Ex OPG?

Supporta l'ex opg

Abbiamo messo per iscritto le idee che stanno alla base del nostro progetto, e tutti i modi in cui si può dare una mano.

Come partecipare

Ecco la nostra dichiarazione di intenti, il nostro programma

Cosa crediamo, cosa vogliamo

UN ECOGRAFO PER TUTTE E TUTTI!

CROWDFUNDING AMBULATORIO POPOLARE

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand