Abbiamo concluso il quarto anno di attività e ci teniamo a fare un piccolo bilancio dell’anno appena trascorso per tenervi tutti aggiornati su quello che succede fra le mura di questo “manicomio” e sia per capire insieme a voi che ci seguite e supportate come continuare e procedere ancora meglio per l’anno che verrà.
Le settimane si susseguono frenetiche, una dietro l’altra, tanti gli appuntamenti, le iniziative, le attività che si svolgono ogni giorno dentro e fuori il nostro spazio e che attraversano le strade e le piazze della città ma non solo. Molte delle cose che portiamo avanti sono a lungo termine, altre invece trovano immediato riscontro nella quotidianità.

Ormai lo sapete l’Ex-Opg è una Casa del Popolo non solo perché ogni giorno passano di qui tante persone di età, storie e paesi diversi, ognuno con una sua capacità, un suo problema, una sua proposta e c’è sempre gran fermento, ma perché in questi anni di attività abbiamo aperto tanti interventi sociali e politici e ci siamo messi a seguire tante situazioni!
Qui cerchiamo di fare il punto dello stato dell'arte, per condividere quello che stiamo facendo all'Ex-OPG non solo nelle aperture quotidiane ma anche nelle continue lotte, vertenze, iniziative politiche, su cui non sempre riusciamo ad aggiornarvi.
In queste pagine vogliamo quindi provare a mettere nero su bianco le cose più importanti che abbiamo fatto in questi ultimi mesi in tutti gli ambiti di cui ci occupiamo: movimento migranti, lotta alla povertà, ambulatorio, camera popolare del lavoro, cultura e sport popolare.
PS. è persino superfluo ricordarlo, ma ci teniamo sempre a precisarlo: tutto quello che leggerete è il prodotto dell’attività di oltre 100 volontari, che fanno questo a fianco allo studio, al lavoro e sacrificando le loro vite. L’Ex OPG non ha finanziamenti pubblici o privati di alcun tipo. Facciamo manutenzione del posto e finanziamo i materiali per le attività organizzando raccolte fondi, con feste e cene sociali, chiedendo piccole sottoscrizioni in occasione di spettacoli teatrali, concerti e iniziative. Anche per questo cogliamo l’occasione di ringraziare tutti quelli che con una donazione anche di pochi euro ci consentono di andare avanti, e soprattutto tutti i militanti e gli attivisti che donano il loro tempo e le loro capacità per il progetto collettivo!

1. MOVIMENTO MIGRANTI E RIFUGIATI

Cominciamo l'aggiornamento con il Movimento Migranti e Rifugiati: non solo perché raccoglie tantissimi attivisti italiani e non, aiuta ancora più persone, ma soprattutto perché è -purtroppo- una tematica sotto i riflettori della politica italiana “grazie” all'infame decreto del governo Salvini-Conte-Di Maio. Ma nonostante il decreto sicurezza il Movimento ha più volte dimostrato durante questi mesi che non ci si arrende né ci si abbatte, anzi si è ancora più determinati a lottare per la propria vita e i propri diritti. Ma cominciamo da settembre quando ci siamo occupati del quartiere Vasto in seguito a dei brutti episodi di razzismo : abbiamo voluto dimostrare che può esserci cooperazione tra migranti e italiani, che possiamo arrivare lì dove le istituzioni non hanno voluto mai arrivare e vivere in un quartiere decoroso e pulito. Su questo punto ci siamo anche confrontati con il Comune di Napoli che si impegnerà a riqualificare la zona e a redigerne un piano abitativo.
Intanto è continuata anche la mobilitazione più generale: dal 12 ottobre al 15 dicembre il movimento è sceso in piazza tante volte, insieme agli studenti medi contro il razzismo e per i diritti di tutte e tutti, il 10 novembre a Roma nella grande manifestazione “Nessuno escluso”, il 6 dicembre a Napoli per chiedere al Questore di Napoli di accelerare il calendario degli appuntamenti dei fotosegnalamenti e di snellire i procedimenti burocratici per il rilascio dei permessi di soggiorno e il 15 dicembre ancora a Roma per il corteo “Get Up! Stand Up!” quando sono arrivati da Napoli ben 7 pullman di migranti.
Insieme al piano di “piazza” sono ovviamente continuate le attività di sportello, aiutando ogni settimana 50 migranti con i propri documenti, e le iniziative per continuare a fare informazione e far conoscere il movimento a quante più persone possibili: assemblee pubbliche e di discussione all'università e giornate di “training” per formare nuovi attivisti si sono susseguite nelle ultime settimane. In un clima come quello che stiamo vivendo dobbiamo usare tutte le strade e gli strumenti che abbiamo a disposizione. Per questo ad inizio dicembre abbiamo avuto la possibilità di incontrare il Presidente della Camera Roberto Fico.

Per il 2019 continueremo a lottare: cercheremo di allargare il fronte di lotta, di formare nuovi attivisti, di parlare con altri fratelli e sorelle per combattere la barbarie che sta crescendo nel nostro paese!


2. CAMERA POPOLARE DEL LAVORO

Dopo la pausa estiva siamo stati totalmente presi dalla vicenda di Grazia, la ex lavoratrice di Napoli Sotterranea che ha denunciato il suo datore di lavoro- Vincenzo Albertini- per violenza sessuale e molestie sul posto di lavoro: il 1° ottobre c'è stata la prima udienza della vicenda, in cui il giudice ha accolto la richiesta del Comune di Napoli di costituirsi come parte civile nel processo, e noi siamo stati al tribunale per sostenere Grazia. Ovviamente la vicenda non è finita lì: c'è stata una seconda udienza il 26 novembre, ce ne saranno ancora altre: la controparte è potente ma noi non demordiamo!

Contemporaneamente è continuata la campagna contro il lavoro nero: da settembre sono riprese le consulenze dello sportello legale, sono andate avanti le vertenze cominciate qualche mese e abbiamo portato a casa altri risultati: circa 8mila euro avuto per 6 lavoratori a nero di un noto ristorante del centro di Napoli! Oltre al piano legale continua anche quello di mobilitazione: volantinaggi sono all'ordine del giorno ed il 17 novembre abbiamo fatto un flash mob con spritz nel centro storico, nell'ambito della giornata di mobilitazione nazionale di Potere al Popolo!

Insieme a tutto ciò, ancora contro il lavoro nero, prosegue il dialogo con le istituzioni (sia il Comune che con l'Ispettorato del Lavoro) per rendere efficace la delibera 100 approvata lo scorso luglio dal Consiglio Comunale di Napoli: per poter effettivamente revocare la concessione dell'uso di suolo pubblico agli esercizi commerciali che hanno lavoratori irregolari è necessario un protocollo tra il Comune e l'Ispettorato del Lavoro. L'assessore Buonanno con cui ci siamo incontrati pochi giorni fa, ci ha fatto ben sperare sulla fattibilità e sui tempi del protocollo...noi aspetteremo, ma non troppo!
Intanto è esplosa un'altra vertenza grossa in città e come attivisti della Camera Popolare del Lavoro di Napoli, siamo andati subito a supportare la lotta di questi lavoratori e lavoratrici: si tratta della GestionCar, una società di servizi che ha gestito per svariati mesi l'assistenza clienti della Monte dei Paschi, e svanita nel nulla in poche settimane lasciando 22 lavoratrici e lavoratori senza stipendio per 2 mesi, senza informazioni, senza una ricollocazione. Dopo una settimana di sciopero, ancora non c'è stata alcuna notizia da parte dell'azienda, ma anche in questa vertenza stiamo procedendo per vie legali, almeno per far riconoscere quello che spetta ad ogni lavoratore e lavoratrice!
Nelle prossime settimane la campagna proseguirà, dovremo ancora interloquire con l'Ispettorato del Lavoro, il Comune di Napoli, e soprattutto dovremo far tremare altri padroni che sfruttano lavoro irregolare! Intanto da gennaio si aggiungerà lo sportello per il REI (reddito di inclusione), a breve aggiorniamo con giorno ed orari!


3. AMBULATORIO POPOLARE E DIRITTO ALLA SALUTE

Da ottobre è ripartito l'ambulatorio con tanti sportelli e molti volontari in più: quest'anno possiamo contare su circa 40 fra medici, personale sanitario e specializzandi in medicina che animano l'ambulatorio popolare e che donano il loro tempo in maniera totalmente gratuita. Gli sportelli attivi, per fortuna, sono tanti anche quest'anno, e ciò garantisce di poter interagire e visitare tante persone. In più nel 2019 si aggiungerà lo sportello di osetopatia, nei prossimi giorni vi daremo giorni ed orari!
Inoltre sono continuate le giornate di prevenzione, e nei mesi scorsi siamo andati in giro per la provincia: siamo stati a Marano con ecografie mammarie e tiroidee e a Soccavo, al CAP 80126, per una giornata di visite dentistiche per bambini. Due tappe importanti per ribadire quanto sia necessaria e fondamentale la prevenzione nella cura della persona e per una vita sana. Prossimamente il tour continuerà per la provincia di Napoli!


4. RETE DI SOLIDARIETÀ POPOLARE, RESIDENZE E CHIESA OCCUPATA

Nell'ambito della lotta alla povertà ci sono tanti fronti aperti: oltre alla Chiesa occupata a Sant'Antonio a Tarsia, ci stiamo occupando dell'emergenza freddo, delle residenze e del volontariato nel carcere. Anche qui, però andiamo con ordine.
Il freddo è un fattore climatico, la negligenza da parte delle istituzioni una criminale abitudine, troppe persone senza fissa dimora hanno perso la vita. Uccisi dalla violenza dell’ingiustizia sociale, nel disinteresse e nell’abbandono. Per questo ci stiamo preparando per il terzo anno a dare ricovero alle troppe persone che vivono in strada perché hanno perso il lavoro o perché non hanno i documenti. Quest’anno proveremo, insieme alla Rete di Solidarietà Popolare, a coinvolgere le associazioni e realtà cittadine che qui a Napoli si impegnano come noi nella lotta alla povertà affinché il calore della solidarietà arrivi in ogni angolo della città. A breve faremo un evento di raccolta di coperte e abiti pesanti come rete. Non ci daremo pace finché moriranno ancora persone in strada!
Dopo varie sollecitazioni, in queste settimane abbiamo partecipato a diversi incontri sia con gli assessori competenti in materia sia con l’ufficio anagrafe: la sospensione delle procedure di iscrizione anagrafica per le persone senza fissa dimora dovrebbe a breve terminare, inoltre sarà diramata un’ulteriore nota ad uso degli organismi preposti che dovrebbe fare ulteriormente luce sulla procedura da applicare; ci auguriamo che ciò possa risolvere i numerosi problemi che da troppo tempo riguardano alcune municipalità. Il diritto alla residenza è fondamentale per tutte e tutti, lo sanno bene le 41 persone che sono riuscite ad ottenere la residenza virtuale grazie al nostro sportello del lunedì.
Inoltre a partire dalla proiezione di “Su la mia pelle” all'Ex-OPG si è formato un gruppo di lavoro sul volontariato carcerario che sta continuando a riunirsi una volta alla settimana all’Ex – opg e sta stilando un progetto da presentare al direttore del carcere di Poggioreale per iniziare con l’anno nuovo un ciclo di incontri con i detenuti a scadenza settimanale. Il gruppo sarà composto da un numero modesto di persone per consentire un lavoro più circoscritto ed efficace. Se non possiamo ancora abbattere le mura del carcere, nell’immediato possiamo però organizzarci intorno al volontariato carcerario come strumento di conoscenza e partecipazione al percorso di reinserimento sociale dei detenuti
E salutiamo quest'anno con un concerto: il 23 dicembre alle ore 19:30 alla Chiesa Liberata di Sant’Antonio e Sant’Alfonso a Tarsia ci sarà un concerto Gospel per festeggiare questi 11 mesi di occupazione insieme a voi!


5. ARTE, CULTURA E SPORT

Crediamo che, insieme alle lotte politiche e sociali, che servono a migliorare le nostre condizioni materiali, una Casa del Popolo debba occuparsi anche di benessere e di qualità della vita, di socializzazione, di creazione di momenti di incontro, di un immaginario, di un orizzonte complessivo. Per questo abbiamo cercato di dare sempre molta attenzione anche all’arte, alla cultura e allo sport.
Cominciamo dall’intervento sul mondo artistico e culturale, partendo dal Teatro Popolare. È iniziato il terzo laboratorio di produzione popolare “MediaEvo”, incentrato quest’anno sul tema delle nuove tecnologie e il modo di comunicazione delle nostre generazioni e a fine anno ci sarà la realizzazione di uno spettacolo finale (siamo super curiosi!). Ci sono attivi anche un corso di drammaturgia  e uno di espressione corporea, per ora a tutte queste attività stanno partecipando più di 50 persone.
Il cartellone della stagione teatrale, quest’anno si è ampliato e diviso in una prima parte autunnale che si è già svolta ed una seconda parte primaverile che è in fase di organizzazione! Oltre agli spettacoli previsti dal cartellone il Teatro Popolare ha organizzato il suo primo festival "Malamente" in ricordo del quarantennale della legge Basaglia per sostenere i lavoratori dello spettacolo nella richiesta di maggiori diritti ed iniziative come il ricordo del quarantannela della legge Basaglia  e il week-end teatrale . Un'altra novità di quest'anno riguarda un ambito più politico, coordinato dal comparto cultura e spettacolo di Potere al Popolo, che ha portato alla nascita di un osservatorio permanente su i diritti dei lavoratori. Il bilancio a livello di pubblico e partecipazione è molto positivo, con una media di 50 spettatori a spettacolo, e picchi anche di 90-100. Si tratta di numeri significativi nel circuito dei teatri indipendenti a Napoli.
In generale in questi ultimi mesi abbiamo organizzato più di 20 iniziative musicali e culturali, comprendendo concerti, la Jamm di musica Hip Hop, proiezioni di film, (come quello sulla storia di Stefano Cucchi “Sulla mia pelle”), presentazioni di libri di autori e riviste di stampo nazionale e internazionale  incontri di dibattito e riflessione. Per il nuovo anno già ci sono in programma la presentazione del nuvo libro “Proletkult” dei WuMing e tante altre sorprese!
Produrre arte e cultura, organizzare momenti di socialità e condivisione, vuol dire riprenderci la possibilità di parlare dei nostri bisogni, delle nostre lotte e delle nostre speranze combattendo la progressiva industrializzazione e privatizzazione che sta subendo il settore culturale e artistico nel nostro Paese.


Se guardiamo invece allo sport, vediamo che la palestra popolare "Carlos & Smith" quest'anno ha messo a disposizione nove diverse attività sportive e ludiche: Yoga, Tango, Danze Orientali, Breakdance, arrampicata sportiva, Lao Long Dao, sala attrezzi, kung fu e boxe. In totale sono più di 200 le sportive e gli sportivi che partecipano regolarmente ai vari allenamenti. Al centro dei nostri allenamenti mettiamo un messaggio di partecipazione e di sviluppo delle pratiche sportive al di là di barriere sociali ed economiche e di pregiudizi razzisti e sessisti che rendono inaccessibile il diritto alla pratica sportiva. Lo sport popolare è di tutti e per tutti. Per il nuovo anno ci stiamo organizzando per ospitare un corso di danze Srilankesi e dovrebbe partire anche un corso di danze stile Bollywood. Ci stiamo coordinando con i ragazzi del movimento migranti e rifugiati per far partire una squadra di calcio e di basket multietnica. Vogliamo allenarci insieme per affermare la nostra visione dello sport popolare: condivisione e non competizione, lo sport è fatto per divertirsi e stare insieme!

Calendario

June 2019
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
7
8
9
14
15
16
21
22
23
28
29
30

Potere al Popolo!

Sito di"Potere al Popolo!"

#indietrononsitorna

Come si finanzia una struttura grande e piena di attività come l’Ex OPG?

Supporta l'ex opg

Abbiamo messo per iscritto le idee che stanno alla base del nostro progetto, e tutti i modi in cui si può dare una mano.

Come partecipare

Ecco la nostra dichiarazione di intenti, il nostro programma

Cosa crediamo, cosa vogliamo

Verità e Gustizia per Ibrahim Manneh. Vittima di razzismo e malasanità

Verità e giustizia per Ibra!

Seguici su facebook

Seguici su twitter

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand