Questa è la testimonianza di chi da giorni sta fronteggiando immensi roghi boschivi, le parole sono cariche di rabbia e frustrazione.

A colpirci è stata proprio quest’ultima, la frustrazione nel vedersi negata ogni possibilità di svolgere al meglio il proprio lavoro, anche quando questo significa salvare vite umane e proteggere intere comunità dalla catastrofe.
A prescindere dai mandanti materiali di quello che sta accadendo in queste ore in Campania ci sembra chiaro come manchi totalmente la volontà di arrivare ad una reale soluzione da parte delle istituzioni competenti, regione, governo, prefetture.
Abbiamo già scritto riguardo alle conseguenze catastrofiche della Legge Madia, all’abolizione del corpo forestale che non fa più prevenzione e al conseguente blocco dei mezzi forestali per motivi “burocratici”. Questo è solo un piccolo tassello di un disegno criminale più ampio come “solo un piccolo tassello” è la vicenda legata allo spegnimento privato, alle gare d’appalto truccate per la gestione dei Canadair, vinte sempre da un vero e proprio cartello legato, guarda caso, a Confindustria (su tutto questo l’Agcom ha aperto un inchiesta)!
E’ in questo clima che l’esasperazione di chi si trova a fronteggiare le fiamme tocca dei picchi altissimi, sia tra i volontari che tra i “pompieri”.


Perché quando ci sono incendi non arrivate?

In una situazione di emergenza senza precedenti il centralino va in tilt, e noi come vigili del fuoco non abbiamo soltanto il compito di spegnere gli incendi boschivi ma anche quello di intervenire in caso di blocco di ascensori…… se il 70-80% di segnalazioni sono per incendi boschivi, noi non possiamo più garantire alla popolazione che vi sia una copertura massima rispetto a tutte le altre richieste che ci vengono fatte. Il comando provinciale dei vigili del fuoco comprende ben 92 comuni con un’utenza di 3 milioni e mezzo di abitanti, con i numeri ridotti al minimo di uomini e mezzi non possiamo dare una risposta immediata alla cittadinanza che ci chiede aiuto solo per i roghi boschivi. E’ da 5 anni che presto servizio e non ricordo una situazione emergenziale così forte come in questo caso, abbiamo raddoppiato i turni lavorativi per sopperire a questa cosa ma purtroppo non abbiamo i mezzi, abbiamo una inefficienza degli idranti che non funzionano in tutto il territorio, le auto botti in dotazione della guardia forestale non possono essere utilizzate, in una situazione del genere pensare che nessun ente viene in aiuto ai vigili del fuoco è assurdo!
La LEGGE 21 novembre 2000, n. 353 (legge quadro in materia di incendi boschivi) assegna alla regione delle convenzioni che fino all’anno scorso venivano fatte con la forestale per la prevenzione nei boschi e quest’anno in seguito al fatto che la forestale è stata assorbita dai carabinieri in seguito alla legge Madia, la regione non ha stipulato nessuna convenzione con il corpo forestale e nemmeno con i vigili del fuoco, ritardando così l’intervento di prevenzione. Quando siamo andati sul Vesuvio camminavamo su un tappeto di 30 cm di aghi di pino facilmente infiammabili anche con una semplice cicca!


Quest’anno cosa c’è di diverso rispetto all’anno scorso per cui sembra aumentata la frequenza degli incendi?

Ci sono delle società antincendi che lavorano con la regione, che probabilmente quest’anno non hanno ricevuto la convenzione. Vi faccio un esempio di quello che è successo ad Ischia: la società lavora fino alle 19, però se c’è un incendio rilevante sull’isola loro si trattengono, vengono pagati con lo straordinario e dormono anche in albergo allora se devi guadagnare un euro in più tu cosa faresti??....


C.so pubblico vvf 814 perché sono bloccate le graduatorie nonostante la carenza del corpo?

Ad oggi si contano circa 4000 unità in meno nel corpo dei vigili del fuoco. Ci sono quindi degli impegni presi e non mantenuti dal governo per cui dovrebbero essere stanziati 27 milioni di euro per l’assunzione dei vigili del fuoco ma ad oggi le risorse economiche disponibili sono circa un terzo rispetto a quelle che dovrebbero essere destinate.Se io fossi il prefetto avrei convocato un tavolo cittadino per parlare di questa emergenza e gestirla al meglio, invece sembra che ai piani alti nessuno se ne importi niente, noi continuiamo a fare il nostro dovere ma siamo lasciati completamente soli.


Cosa possiamo fare noi come cittadini difronte a questa emergenza?

Dobbiamo pretendere che ci sia trasparenza, che ognuno, stato regioni comuni facciano bene quello che gli compete per la nostra salute e per la salvaguardia del territorio!

Calendario

December 2017
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
3
5
Date : 2017-12-05
6
Date : 2017-12-06
7
Date : 2017-12-07
10
12
Date : 2017-12-12
13
Date : 2017-12-13
14
Date : 2017-12-14
19
Date : 2017-12-19
20
Date : 2017-12-20
21
Date : 2017-12-21
23
24
25
26
27
28
29
30
31

La campagna per una lista popolare alle prossime elezioni politiche nazionali.

#accettolasfida

Abbiamo messo per iscritto le idee che stanno alla base del nostro progetto, e tutti i modi in cui si può dare una mano.

Come partecipare

Ecco la nostra dichiarazione di intenti, il nostro programma

Cosa crediamo, cosa vogliamo

Come si finanzia una struttura grande e piena di attività come l’Ex OPG?

Come si finanzia l'Ex OPG

Verità e Gustizia per Ibrahim Manneh. Vittima di razzismo e malasanità

Verità e giustizia per Ibra!

Seguici su facebook

Seguici su twitter

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand