Non capita spesso di finire un corteo così... Dopo sei ore per strada, le ultime due trascorse ad aspettare che finisse l'incontro in Prefettura. Domani proveremo a ragionare con più calma, per adesso vogliamo solo dire grazie.

Grazie alla famiglia di Ibrahim e ai suoi amici, per aver tenuto duro in un momento di dolore, per averci dato una grande lezione di dignità.
Grazie ai migranti dei CAS, che sono venuti in massa al corteo, nonostante le seccature e i problemi che passano con i direttori dei centri.

Grazie alla comunità gambiana, alle comunità immigrate che hanno superato le differenze di lingua, cultura, religione, perché, oltre queste cose, siamo tutti esseri umani.
Grazie ai tantissimi napoletani che sono venuti, dai militanti delle reti antirazziste ai comuni cittadini sinceramente toccati dalla vicenda, ai giornalisti - spesso precari - interessati a far emergere la verità: non era facile ritrovarci in più di 1000 in così poco tempo.
Grazie ai lavoratori e alle lavoratrici che stanno facendo con noi la campagna contro il lavoro nero, e che hanno rinunciato a un'iniziativa importante stasera solo per essere in piazza, perché sentono istintivamente che gli sfruttati stanno tutti dallo stesso lato.
Grazie ai medici e agli operatori sanitari che sono venuti per raccontare delle condizioni in cui si lavora nella sanità pubblica smantellata, e per spiegare che non bisogna mai generalizzare, ma anzi sostenere le persone oneste sulle quali si scarica l'inefficienza delle strutture.
Grazie a tutti quelli che, dal resto d'Italia, hanno seguito questa storia con partecipazione, facendo circolare le informazioni, mettendosi a disposizione in qualsiasi modo, addirittura organizzando presidi a Pavia, Padova, finanche Dresda, esponendo striscioni, scrivendo messaggi e comunicati di solidarietà. Tutti, dai compagni a chi normalmente è lontano dalla politica ma sa riconoscere le ingiustizie. E speriamo di non aver dimenticato nessun altro.
Tutti insieme siamo riusciti a far emergere una storia che altrimenti sarebbe stata velocemente liquidata, abbiamo dato valore a quella vita che altri hanno negato. Una tragedia che sarebbe stata vissuta in privato, che avrebbe generato solo rabbia e depressione, ora ha la possibilità di trasformarsi in lotta, solidarietà, unione, conquista di maggiori diritti per tutti.
Purtroppo niente potrà restituire Ibrahim ai suoi cari, ma almeno così potranno ottenere Verità e Giustizia, e impedire che avvengano altri casi come questo.

qui una galleria fotografica del corteo
sulla pagina facebook dell'Ex OPG "Je so' Pazzo" contributi e aggiornamenti

Calendario

November 2017
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
Date : 2017-11-01
2
Date : 2017-11-02
5
7
Date : 2017-11-07
8
Date : 2017-11-08
9
Date : 2017-11-09
12
14
Date : 2017-11-14
15
Date : 2017-11-15
16
Date : 2017-11-16
19
21
Date : 2017-11-21
22
Date : 2017-11-22
23
Date : 2017-11-23
26
28
Date : 2017-11-28
29
Date : 2017-11-29
30
Date : 2017-11-30

Abbiamo messo per iscritto le idee che stanno alla base del nostro progetto, e tutti i modi in cui si può dare una mano.

Come partecipare

Ecco la nostra dichiarazione di intenti, il nostro programma

Cosa crediamo, cosa vogliamo

Come si finanzia una struttura grande e piena di attività come l’Ex OPG?

Come si finanzia l'Ex OPG

Verità e Gustizia per Ibrahim Manneh. Vittima di razzismo e malasanità

Verità e giustizia per Ibra!

Seguici su facebook

Seguici su twitter

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand