Molti (soprattutto ricercatori stranieri, perché in Italia di certe cose non si può parlare) hanno sottolineato quanto Madre Teresa sia stata tutt'altro che santa: le sue missioni come spot propagandistici di una Chiesa in crisi, la sua strumentalizzazione dei poveri, la gestione dei fondi "allegra", le frequentazioni con i dittatori e i ricchi del mondo, etc...

Noi però vogliamo sottolineare un altro aspetto, più generale.

C'è un uso della carità cristiana - che in sé è cosa empatica e nobilissima - che serve a consolidare dei poteri e a far rimanere i poveri in uno stato di dipendenza. Che spinge ad accettare ideologicamente la sofferenza perché in un altro mondo si sarà ricompensati. Che spinge a riconoscere la propria vita come piccola e inutile, affidata nelle mani di una potenza sovrannaturale.

Madre Teresa diceva: "C'è una bellezza nel povero che accetta il suo fardello, che lo affronta come la Passione di Cristo. Il mondo guadagna dalla loro sofferenza".

Noi la pensiamo diversamente.

Noi, che la povertà la vediamo ogni giorno da vicino, pensiamo che non è bella, è triste, puzza, rende affamati e cattivi, avvilisce le potenzialità umane.
Pensiamo che i poveri non debbano accettare la povertà, perché non è un destino o una prova di Dio, ma è frutto di precise scelte e azioni umane, del volere dei ricchi.
Pensiamo che il mondo non guadagni niente dalla sofferenza dei poveri, solo dolore, migrazioni, guerre, barbarie.
Pensiamo che nella storia i miglioramenti si sono avuti quando i poveri si sono organizzati e hanno preteso non di avere la carità e l'elemosina, ma quello che gli spettava come esseri umani che hanno gli stessi diritti dei ricchi.
Pensiamo che ci sia una sola vita, che la dobbiamo vivere al meglio, che dobbiamo cercare di godere dei rapporti umani e della bellezza dell'arte e della natura, e che dobbiamo lottare perché tutti possano goderne come noi.
Pensiamo che qualsiasi ideologia della rassegnazione sia oscurantista, vada contro il progresso e lo sviluppo della libertà e della socialità.
E siamo sicuri che in Italia, anche se sui media oggi tutti si accodano servilmente al carro dei poteri dominanti, ci sono tanti che la pensano come noi...

Per raccontare l'esistente e immaginare il futuro

IL BLOG DEI PAZZI

Calendario

November 2020
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Potere al Popolo!

Sito di"Potere al Popolo!"

#indietrononsitorna

SIAMO TORNATI! Il 7 ottobre 2020 abbiamo inaugurato la seconda stagione di Radio Quarantena. Ritorniamo con una nuova redazione, quasi 20 collaboratori e 5 rubriche settimanali.

RADIO QUARANTENA

VOCI E TESTIMONIANZE DAL CARCERE

#iorestodentro

Come si finanzia una struttura grande e piena di attività come l’Ex OPG?

Supporta l'ex opg

Abbiamo messo per iscritto le idee che stanno alla base del nostro progetto, e tutti i modi in cui si può dare una mano.

Come partecipare

Ecco la nostra dichiarazione di intenti, il nostro programma

Cosa crediamo, cosa vogliamo

UN ECOGRAFO PER TUTTE E TUTTI!

CROWDFUNDING AMBULATORIO POPOLARE

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand