Un pensiero scemo, forse da pazzi, però sincero, da chi è rimasto in città perché non teneva soldi o doveva lavorare, eppure ci sta bene davvero. perché Napoli d'agosto è qualcosa di affascinante e suggestivo.

Tutto l'anno Napoli è un bordello: traffico, motorini, rumori - roba che a noi piace, che testimonia della sua vitalità, ma che a volte ci fa venire mal 'e capa. Napoli è come una banda di bambini che stanno sovreccitati e che i primi minuti ti divertono, poi ti verrebbe voglia di sedarli... invece ad agosto tutto rallenta, si svuota, anche chi non ha un euro nella sacca si riversa sulle spiagge più vicine, pullman, merenda e via, e tutta la città è come se tirasse un lungo respiro.

E' come se, partiti i figli, lei si potesse finalmente sedere, e la tensione si abbassasse, come se potesse finalmente riflettere e pensare un po' a sé, e dietro le rughe si vedesse apparire l'antica bellezza. e allora ne approfitti per una passeggiata, e scopri cose che non avevi mai visto - che i vicoli senza macchine sono larghi, che la nostra bellezza è pure nei dettagli di un portone, che la gente raccolta la sera fuori a un basso, con le sdraio in mezzo alla via, a parlare dei parenti e degli amici, ha qualcosa di antico e di umano che le distese dei lidi privati non potranno mai avere...

E però Napoli d'agosto, pur rallentata e serena, non è un mortorio. noi ci ricordiamo gli anni '90, quando tutti, proprio tutti, partivano, e chi restava era considerato, si considerava lui stesso, un povero dio. e non c'era niente da fare, se non deprimersi, perché in questa società di merda anche la vacanza diventa un test di quanto sei riuscito, di quanto sei inserito, di quanti soldi hai e di con chi te la fai.

Qualcosa del genere accade ancora, certo. Ma, sarà che con la crisi come noi ormai ce ne son tanti, sarà che abbiamo imparato a fare di necessità virtù, sarà che molti "valori" di questa società si stanno rivelando per quello che sono, tutte stronzate fatte per metterci in competizione, farci acquistare, farci consumare, be', non sembra più così drammatico restare in città...

E poi negli anni Napoli ha cambiato volto, e a riempire le strade d'estate, a farle meno tristi e persino più sicure, ci sono i nostri nuovi concittadini, gli immigrati, pure loro costretti a rimanere qui. E la musica che esce dai loro bassi, il pezzo di strada che facciamo assieme per andare allo stesso concerto in piazza, sono già un anticipo sulla futura amicizia. Sono i nostri compagni di vacanza, in attesa magari di essere i nostri compagni di lotta, protagonisti insieme del cambiamento di questa città.

Solo questo volevamo dire. Che Napoli d'agosto è una scoperta, un equilibrio, persino un privilegio. Tornerà l'autunno e tornerà il bordello, ma quella complicità che c'è stata in questi giorni fra noi e la città, quell'intimità, l'averla vista come svestita, ci resta dentro.

"Ormai mi conosci", dice Napoli, "ormai devi amarmi".

Per raccontare l'esistente e immaginare il futuro

IL BLOG DEI PAZZI

Calendario

November 2020
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Potere al Popolo!

Sito di"Potere al Popolo!"

#indietrononsitorna

SIAMO TORNATI! Il 7 ottobre 2020 abbiamo inaugurato la seconda stagione di Radio Quarantena. Ritorniamo con una nuova redazione, quasi 20 collaboratori e 5 rubriche settimanali.

RADIO QUARANTENA

VOCI E TESTIMONIANZE DAL CARCERE

#iorestodentro

Come si finanzia una struttura grande e piena di attività come l’Ex OPG?

Supporta l'ex opg

Abbiamo messo per iscritto le idee che stanno alla base del nostro progetto, e tutti i modi in cui si può dare una mano.

Come partecipare

Ecco la nostra dichiarazione di intenti, il nostro programma

Cosa crediamo, cosa vogliamo

UN ECOGRAFO PER TUTTE E TUTTI!

CROWDFUNDING AMBULATORIO POPOLARE

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand