“Questi vent'anni ci hanno insegnato che per cambiare il mondo devi cogliere l'occasione. Anche se non è il momento giusto, perché non è mai il momento giusto. E anche se il risultato che ottieni non è il meglio che ti aspettavi, lo devi difendere. Se non sei disposto a farlo, tanto vale che non ci provi nemmeno ...] La Storia è più impaziente di te.”

Dopo mesi di attesa febbrile, chi ha comprato Proletkult il 23 Ottobre scorso forse è rimasto deluso al primo impatto: se la Rivoluzione Francese aveva richiesto un volume – l’Armata dei Sonnambuli – piuttosto spesso e consistente, Proletkult si presenta molto più agile, quasi esile. Forse che la Rivoluzione Bolscevica non valeva, al confronto, almeno due tomi? La delusione, in realtà, era dovuta alla constatazione immediata ed oggettiva che il libro ci avrebbe abbandonato presto; la storia, e la Storia, la spazzeranno presto via.

Alla fine Luigi Di Maio ce l'ha fatta: il Reddito di cittadinanza ha trovato il suo spazio nella Legge di Bilancio 2019. Sono stati stanziati 9 miliardi di Euro per il sussidio che vuole, nelle parole di Di Maio, “abolire la povertà”, sussidio che secondo i piani del governo entrerà in vigore nei primi mesi del 2019, dopo la riforma dei Centri dell'impiego (Cpi) che costerà 1 miliardo di Euro.

Lunedì 19 abbiamo partecipato - insieme al sindacato USB, ai disoccupati e alle varie vertenze territoriali - al presidio davanti al Palazzo della Giustizia in occasione della visita del ministro del lavoro e delle politiche sociali pentastellare Luigi Di Maio.
Siamo riusciti a strappare un incontro con Di Maio, durante il quale le varie vertenze hanno presentato i loro problemi: trasporto, sanità, pubblico impiego e disoccupati.

Nelle ultime settimane come Camera Popolare del Lavoro e come intera comunità dell’Ex OPG “Je so pazzo” abbiamo deciso di raccontare a quante più persone possibile una storia che ci dice tanto sul mondo di oggi, sulle terribili condizioni lavorative che ci vengono imposte, su cosa significa essere una donna e lavorare, sui ricatti, le molestie e le violenze che quasi ogni donna – lavoratrice e non – subisce quotidianamente. Questa storia vede come protagonista Grazia, una giovane ragazza napoletana. Quando l’abbiamo ascoltata, non abbiamo esitato a schierarci fermamente con lei.

Ieri il Consiglio dei Ministri ha approvato all'unanimità il decreto su sicurezza e migrazione. Un decreto criminale, razzista, che riduce gli spazi democratici. Un decreto che, criminalizzando le categorie sociali più vulnerabili, individua nel povero, nel migrante e in chiunque cerchi di lottare per i diritti sociali, un nemico da abbattere, rinchiudere, espellere. Con la stessa retorica sulla sicurezza del decreto Minniti-Orlando, conservandone innovazioni come il DASPO urbano, il decreto varato dal governo Conte non farà altro che produrre una vera e propria emergenza sociale, creando povertà, esclusione e insicurezza.

A distanza di 10 giorni  dalla sua uscita è impossibile tenere un conto di tutte le recensioni, gli articoli e i pareri che si sono susseguiti sul film ispirato alla storia di Stefano Cucchi. Ma al di là dei palesi meriti del film, quello che sentiamo necessario sottolineare oggi è la storia, secondo noi preziosa, che si è materializzata tutt’attorno.

Non ve lo nascondiamo: siamo preoccupati.
Come non esserlo davanti alla crisi economica che incide nelle nostre vite, all’assenza di un lavoro o di una pensione, al pensiero di ammalarci e non poterci curare, all’idea di dover passare la vita aspettando di prendere un bus o pagare un mutuo, senza poter avere quello che ci spetta, quello che un paese così ricco ci potrebbe dare? Come non esserlo davanti alla barbarie che avanza, agli spari contro chi ha la pelle nera, al vicino che diventa un nemico, alla parte peggiore del paese che si toglie la maschera, forte del numero? Come non esserlo quando sai che non è finita, che il ricatto economico e la creazione del nemico può andare avanti a lungo, che la guerra fra poveri può continuare, che nel nostro paese abbiamo davanti solo due risposte, entrambe pessime per noi?

Calendario

December 2018
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
8
9
14
15
16
21
22
23
28
29
30

Potere al Popolo!

Sito di"Potere al Popolo!"

#indietrononsitorna

Come si finanzia una struttura grande e piena di attività come l’Ex OPG?

Supporta l'ex opg

Abbiamo messo per iscritto le idee che stanno alla base del nostro progetto, e tutti i modi in cui si può dare una mano.

Come partecipare

Ecco la nostra dichiarazione di intenti, il nostro programma

Cosa crediamo, cosa vogliamo

Verità e Gustizia per Ibrahim Manneh. Vittima di razzismo e malasanità

Verità e giustizia per Ibra!

Seguici su facebook

Seguici su twitter

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand