Giovedì 7 il controllo popolare, con la Terza Municipalità - che ha sollecitato i controlli dei vigili e dell'Asl - è tornato al Centro San Martino a via Capodimonte, centro che seguiamo dallo scorso luglio e che ci sconvolse per le pessime condizioni igienico sanitarie e per le carenze dell'assistenza.

Fin da subito abbiamo prestato ai ragazzi assistenza linguistica, medica e legale, tramite i nostri sportelli gratuiti, insomma tutto quanto veniva loro - inspiegabilmente! - negato dalle Istituzioni. Insieme ai migranti, abbiamo cominciato a raccogliere testimonianze, a conoscerci, e a organizzarci per cambiare questa insostenibile situazione...

Siamo tornati nel centro a dicembre, con un'ispezione a sorpresa insieme al senatore De Cristoforo, l'ASL e l'assessore municipale alle politiche sociali Laura Marmorale: un momento importante, venuto dopo 5 mesi di pressioni e denunce pubbliche, perché la politica non può pensare di chiudere gli occhi davanti al fatto che a decine di esseri umani viene negata una vita dignitosa! Frutto di quell'incontro è stato un esposto alla Procura della Repubblica, documento in cui si riportava quanto avevamo visto e toccato, chiedendo la chiusura immediata di quella struttura.

Grazie alla battaglia collettiva intrapresa le cose sembravano aver preso una piega diversa, finchè, non sono ripiombate nel baratro. Abbiamo scoperto - alla faccia della democrazia! - che l'esposto era stato archiviato, per motivi che non si sa bene quali siano...

Non potevamo più aspettare: così siamo tornati. Quello che abbiamo trovato è stato incredibile. Le immagini sono fin troppo eloquenti, ci limitiamo a sottolineare le questioni più gravi:
- più di dieci giorni fa le forze dell'ordine sono intervenute nel centro per apporre i sigilli ai contatori che forniscono una parte della struttura perché abusivi. Risultato? I migranti sono rimasti fino ad oggi senza elettricità!
- è stato rinvenuto dell'ASL la pericolosissima presenza di amianto sbriciolato (ed è stato ingiunto di provvedere immediatamente alla rimozione in sicurezza)
- oggi sono state poste sotto sequestro tre stanze e un bagno perchè evidentemente inagibili. Una scala interna è pericolante, a rischio crollo
- il centro potrebbe ospitare al massimo 72 persone, ma il numero dei presenti è molto molto più alto, cosa che peggiora ulteriormente le già tremende condizioni sanitarie e lo stato degli spazi comuni, totalmente insufficienti
- l'impianto elettrico non è idoneo: in alcune stanze siamo dovuti entrare con torce per mancanza di finestre e corrente elettrica!

Dal canto nostro possiamo testimoniare l'assoluta inadeguatezza della mediazione culturale e dell'assistenza sanitaria, che il cibo è di qualità pessima, impossibile da mangiare. E invece di risolvere questo, i galantuomini gestori del centro hanno ben pensato di assumere una guardia giurata (con tanto di maglia "security"), sintomo del clima repressivo e ricattatorio che pervade ogni angolo del posto.

Queste condizioni sono constatabili da chiunque, tutto avviene sotto la luce del sole! E allora ci chiediamo, provocatoriamente, come sia possibile che il nostro esposto sia stato fatto sparire?Com'è possibile che la prefettura non intervenga visto che è tenuta a fare ispezioni periodiche?

Chiediamo che il centro sia chiuso immediatamente e che ai migranti attualmente in-ospitati lì dentro sia garantita un'accoglienza dignitosa nella zona di Napoli, visto che parliamo di uomini che nell''ultimo anno hanno intessuto rapporti umani sociali nella nostra città, e non meritano di essere "sradicati" ancora una volta! Chiediamo che a tutti i migranti costretti, per tanti mesi, in questo stato degradante, sia conferito il permesso di soggiorno, perchè vittime di abusi quotidiani e malcelati!

Chiediamo che venga fatta luce su un altro centro, gestito dalla stessa cooperativa in via Taddeo Da Sessa che ospita più di trecento persone, di cui abbiamo già cominciato a raccogliere le testimonianze, e che a breve ci costringerà a intervenire duramente!
Abbiamo bisogno del sostegno di chiunque mantenga ancora un briciolo di umanità e lucidità, di chiunque abbia a cuore la verità e non ceda ai venti di razzismo e barbarie che spirano forti in questo paese, perchè davvero si costruisca un'accoglienza a misura d'uomo e non del profitto criminale!

Calendario

Verità e Gustizia per Ibrahim Manneh. Vittima di razzismo e malasanità

Verità e giustizia per Ibra!

Abbiamo messo per iscritto le idee che stanno alla base del nostro progetto, e tutti i modi in cui si può dare una mano.

Come partecipare

Ecco la nostra dichiarazione di intenti, il nostro programma

Cosa crediamo, cosa vogliamo

Come funziona il finanziamento di una struttura grande e piena di attività come l’Ex OPG “Je so’ pazzo”?

Come si finanzia l'Ex OPG

Seguici su facebook

Seguici su twitter

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand