Una scuola che cade a pezzi: questa è l'immagine che rappresenta la situazione attuale dell'istruzione italiana. Il discorso sull'istruzione è ampio e articolato e coinvolge tutti, dai professori sia di ruolo che precari, alle famiglie che affidano i propri figli all'istituzione scuola credendola un dispositivo garantito di crescita e formazione; ma interessa soprattutto i giovani che avvertono le  mancanze di una scuola che non esaurisce i loro bisogni e che mette la competizione alla base della sua “offerta”.

Come “Ex-Opg Je So' Pazzo” abbiamo voluto sviluppare da subito un confronto attivo con gli abitanti del quartiere per cogliere le criticità presenti sul  territorio e farle diventare il punto di partenza del nostro lavoro sociale e politico. Ed è così che abbiamo capito che un modo diverso d'intendere la formazione, lo studio e l'istruzione in generale non era una volontà soltanto nostra ma una idea condivisa da cittadini, genitori e ragazzi costretti ogni giorno a misurarsi con il difficile linguaggio delle istituzioni scolastiche.


Cosa potevamo fare per rispondere a questa esigenza?

Il 19 ottobre 2015 nasce il Doposcuola Sociale Gratuito “Castello Pazzo” pensato per riprenderci insieme ai più giovani uno spazio dedicato allo studio e al confronto collettivo  oltre i libri di scuola. Il doposcuola sociale si configura come una messa in discussione prima di tutto di noi stessi: siamo giovani studenti, genitori e lavoratori motivati dalla voglia di conoscere da vicino le esigenze dei ragazzi e anche se non possiamo chiamarci professionisti vogliamo con la pratica dare un supporto concreto alla loro educazione e formazione. Collaborare con noi è molto semplice, basta venirci a trovare al doposcuola sociale - ogni martedì, mercoledì e giovedì dalle 15.00 alle 17.30 - e mettere il proprio tempo e le proprie conoscenze a disposizione dei ragazzi. Non stiamo inventando nulla, i doposcuola esistono già ma seppur numerosi, finiscono per essere una possibilità a pagamento che riproduce l'impostazione classista di una scuola che facilita le classi sociali più agiate e discrimina quelle più deboli.


Perchè parliamo di impostazione classista della scuola?

Perchè non sa abbattere le differenze sociali, culturali ed economiche presenti in ogni famiglia prima ancora di iscrivere i propri figli a scuola: non dovrebbe essere importante da dove provengono i ragazzi e quale sia il lavoro dei loro genitori, è fondamentale invece che la Scuola diventi un dispositivo capace di trasformare le singole capacità in uno strumento di crescita e conoscenza collettiva. È naturale che chi dispone di maggiori risorse riesca a superare le difficoltà con più facilità; per questo pensiamo che la scuola e il doposcuola debbano ricreare un ambiente che non faccia distinzione fra meritevoli e non, che non consideri la valutazione come criterio di giudizio individuale e che condanni la bocciatura come soluzione facile alle criticità irrisolte. Non è questa la ripetizione che vogliamo.


Cosa rivendichiamo con il Doposuola Sociale gratuito?

Conoscete il significato di doposcuòla nella lingua italiana? È l'istituzione organizzata dalla scuola dopo le ore d’insegnamento, con percorsi integrativi o libere attività complementari con frequenza facoltativa e gratuita (Enciclopedia Treccani).  Vogliamo, quindi, che sia la scuola a occuparsi di tutto questo, vogliamo che sia data la possibilità ai docenti di coinvolgere, valorizzare ed educare senza disparità; nella scuola primaria, per esempio, non può esistere meritocrazia. Vogliamo più assistenza e trasparenza informativa sui servizi scolastici rivolti ai ragazzi e sulle prestazioni economiche richieste alle famiglie: cedolini, buoni libro, contributo volontario, servizi di mensa e di trasporto, gestione delle assicurazioni scolastiche o qualsiasi altro sistema di supporto previsto. Con il nostro lavoro come Doposcuola Sociale vogliamo aprire un campo di intervento , informare su ciò che ci spetta affinchè la scuola sia sempre più includente e i genitori abbiano la possibilità di sapere cosa  è possibile richiedere per i loro figli e in che modo.

Non vogliamo sottrarre alla scuola le sue responsabilità ma possiamo dimostrare con certezza che non esiste un libro per tutto, che l'obbedienza passiva è sorella di un consenso senza critica e che il confronto insegna più di un voto silenzioso su carta. Se la normalità è avere bambini inarrestabili, creativi ed ingegnosi allora vale la pena sporcarsi le mani... anche con un pennello.

Doposcuola Sociale § Ex-Opg Je So Pazzo

Per raccontare l'esistente e immaginare il futuro

IL BLOG DEI PAZZI

Calendario

July 2020
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

ASSISTENZA TELEFONICA LAVORATORI E LAVORATRICI

Teleofono rosso

VOCI E TESTIMONIANZE DAL CARCERE

#iorestodentro

Potere al Popolo!

Sito di"Potere al Popolo!"

#indietrononsitorna

Come si finanzia una struttura grande e piena di attività come l’Ex OPG?

Supporta l'ex opg

Abbiamo messo per iscritto le idee che stanno alla base del nostro progetto, e tutti i modi in cui si può dare una mano.

Come partecipare

Ecco la nostra dichiarazione di intenti, il nostro programma

Cosa crediamo, cosa vogliamo

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand